Nella calda estate del 2005 nasce il Real Casebruciate. Il papà (o il babbo, come preferite) di questa creatura è senza dubbio Giacomo Mugianesi, che con tutta la sua energia ha fatto sì che questo forte desiderio dei ragazzi del Comune di Montemarciano diventasse realtà. Dopo tanti “incontri clandestini” all’Acli di Marina e chiacchiere un po’ ovunque, la squadra prende forma. Il primo presidente è Michele Bartozzi, il resto della società sono tutti ragazzi giovanissimi e i giocatori tutti del nostro Comune. Nasce uno statuto e un patto: il Real avrà lunga vita. Al primo campionato il Casebruciate parte col botto, sesto posto finale in classifica, cinquanta gol fatti e playoff sfiorati. Maurizio Fabretti si cala nel ruolo di leader, allenatore, giocatore e miglior realizzatore (10 gol), Artur Faccioni lo incalza con 8 (e quando gli ricapiterà più…?). Novità importanti nella stagione 2006/07, entrano in società Simone Reginelli e Giacomo Filonzi, arriva il giornalino Stile Real, una new entry assoluta per le squadre del circondario. Novità anche in panchina dove siede Alfredo Di Michele (per gli amici Duccio) che però dopo poche giornate lascia il posto al ritorno di Bibo Fabretti.  Ripetere l’expliot del primo anno è difficile e il Real chiude infatti ottavo. Da segnalare però i 53 gol finali con Stefano Muscoloni bomber con otto reti e il Cobra Priori dietro con sette. Sarà l’anno più bello per i tifosi del Real con le trasferte di Jesi e Serradica che rimarranno nella memoria di chi c’era. Terza stagione “l’annus horribilis” con le prime trasferte nel fanese / pesarese e un ultimo posto in classifica che sa di vergogna. Tante novità nel 2008/09, non so se me le ricorderò tutte… William Pugnaloni è il nuovo presidente del Real, Paolo Repaci diventa l’allenatore della nostra squadra di calcio e la famiglia Real aumenta vertiginosamente iscrivendo anche una  squadra di calcetto maschile ed una di calcetto femminile. Ebbene sì. Lo sforzo è subito ripagato dato che i ragazzi ci regalano il primo playoff della nostra storia sotto la guida di mister Romagnoli. La nostra squadra di C5 maschile ci farà compagnia per quattro anni e rispecchierà a pieno l’idea iniziale di far convivere e giocare insieme ragazzi di Marina e ragazzi di Montemarciano. La squadra di C5 femminile è stata con noi invece due anni, esperienza nuova e comunque appassionante, portata avanti soprattutto grazie alla passione di mister Masini che ci ha accompagnato in tutto e per tutto. Le spese poi ci hanno costretto a guardare in faccia la realtà e a portare avanti solo quella che era la passione iniziale, in fondo il pallò è il pallò. Sono gli anni di Diego Rossetti (recordman di gol nella storia del Real), di Antonio Flo e del bomber Alit. Aumento il ritmo che vi sto annoiando. Il biondo Repaci resta mister per quattro anni (poi diventerà presidente, per non farsi mancare niente) con due settimi posti e una vittoria col Miciulli che resta nella storia come la partita perfetta. Svolta storica nel 2012/13 con l’arrivo dello jesino Diego Radicioni in panchina che fa centro al primo colpo. Quarto posto finale e una stagione da record, maggior numero di gol fatti nei nostri campionati e minor numero di quelli subiti. Un playoff a Castelvecchio e una traversa che ancora trema dal tiro di Fucili, qualche centimetro e forse la storia sarebbe cambiata. Ci si riprova l’anno dopo. Stagione 2013/14 la partenza del Casebruciate promette bene ma il girone di ritorno non rispecchierà le aspettative. Alla fine la classifica dice sesto posto e l’addio di Radicioni dà il via alla nuova rivoluzione.  E’ storia di oggi, storia di internet e di aggiornamenti quotidiani…